Comune di Pontedera
FACEBOOK UFFICIALE - Sindaco di Pontedera - Simone Millozzi Google Plus UFFICIALE - Comune di Pontedera YouTube UFFICIALE - Comune di Pontedera Slide Share UFFICIALE - Comune di Pontedera
Tu sei qui: Portale Evento del calendario Eventi 2017 XXV Festival Sete Sóis Sete Luas - Il Festival che unisce i popoli compie 25 anni
Azioni sul documento
  • Send this page to somebody
  • Print this page
  • iCalendar
  • vCalendar
  • Add Bookmarklet

XXV Festival Sete Sóis Sete Luas - Il Festival che unisce i popoli compie 25 anni

creato da redazione ultima modifica 14/07/2017 08:39
Cosa Adulto straniero Evento cultura Bambino
Quando 12/07/2017 00:00 al
20/07/2017 00:00
Dove Pontedera, città e frazioni
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal
Per il pubblico toscano il viaggio sensoriale e culturale, con il sostegno della Regione Toscana, del Comune di Pontederadell’Ambasciata del Portogallo in Italia e dell’Istituto Camões inizia il 12 luglio nella storica e suggestiva location di Villa Malaspina a Montecastello, con la voce dal timbro unico di Cristina Maria, formatasi con Custodio Castelo, uno dei più grandi musicisti al mondo di chitarra portoghese, e il FADO, dichiarato dall’Unesco patrimonio immateriale dell’umanità.

Il 14 luglio il Festival festeggerà nella sua sede italiana, il Centrum Sete Sóis Sete Luas, i suoi 25 anni di attività con una serata ricca di iniziative che riassumono le sue tante anime. Si inizierà alle 20h30 con una degustazione dei prodotti di eccellenza del nostro territorio, grazie alla collaborazione con Eat Valdera, di cui il Centrum ospita una vetrina permanente. Alle 21h00 il pubblico sarà materialmente protagonista dello svelamento del murale che lo street artist Zed1 realizzerà, proprio nel cortile del Centrum, in omaggio al traguardo di questo incredibile progetto culturale che coinvolge 10 paesi.  L’opera fa parte del progetto Second Skin (seconda pelle) e ha l’originale caratteristica di nascondere una seconda opera dietro un primo velo che proprio il pubblico potrà strappare. Alle 21h30 seguirà l’inaugurazione di ben due mostre, una di fotografia e una di pittura. Il codice della luce” di Pepe Gutíerrez, fotografo di Ceuta, enclave spagnola in terra marocchina, e città dove il Festival è approdato già 5 anni fa, sarà presentata dalla vedova e dalla figlia dell’artista, che purtroppo è venuto meno proprio qualche mese fa. Un omaggio dovuto a un grande artista. Le maschere è invece la mostra del giovane artista sloveno Rok Kleva Ivančić, che guiderà il pubblico attraverso le sue opere accompagnato dal suo violino. Grande attrazione della serata, momento clou, è lo spettacolo di circo acrobatico aereo e umoristico della compagnia francese LES P’TITS BRAS. In scena la nuova creazione ispirata alla Belle Epoque: «L’Odeur de la Sciure». Un’imponente struttura in stile Liberty, un grande palco circolare, cinque incredibili artisti che sconvolgeranno gli animi degli spettatori combinando abilità aerea e umorismo clownesco. Uno spettacolo per grandi e piccini.

Sete Sóis Sete Luas è anche e soprattutto produzione musicale e il 18 luglio sul palco del Centrum Sete Sóis salirà in Prima Nazionale la Santo Antão 7Sóis Band con la partecipazione straordinaria di Mario Incudineuno dei personaggi più rappresentativi della nuova world music italiana. Il repertorio del gruppo rivisita le tradizioni musicali delle montagne dell’isola di Santo Antão, i temi del lavoro degli agricoltori e dei pescatori. Un viaggio affascinante che unisce melodie tradizionali, composizioni originali e nuovi arrangiamenti ispirati alla cultura dell’isola di Santo Antão, culturalmente una delle più ricche di Capo Verde. 

Il 18 luglio sarà presente al Centrum Sete Sóis Sete Luas di Pontedera iPremio Nobel per la pace 2015, Mohamed Fadhel Mahfoudhnuovo presidente onorario del Festival dopo José Saramago, Dario Fo e il Presidente della Repubblica di Capo Verde, Jorge Carlos Fonseca, per una conferenza sulla situazione tunisina dopo la primavera araba e sul Mediterraneo e le sue dinamiche.

Novità di questa edizione è la nuova location del Parco Fluviale La Rotta - grazie alla collaborazione con l’associazione Il Mattone - dove il 20 luglio sarà presentata l’ultima produzione originale Sete Sóis Sete Luas: Rythmes des 7Lunes. Una band incredibile di musicisti di grande talento, un progetto esemplare che unisce e armonizza nello stesso spettacolo Fado, musica sefardita, tradizioni musicali occitane, arabe e italiane. La direzione musicale è del grande chitarrista portoghese José Peixoto, già fondatore del famoso gruppo portoghese dei Madredeus,  al suo fianco la voce e il guembri del marocchino Adil Smaali, il violino di Elena Floris, che da anni collabora con l’Odin Teatret, le percussioni di Liron Meyuhas da Israele e il basso del capoverdiano Lucio Vieira. Un lungo e affascinante percorso che è un racconto in musica dello spirito Mediterraneo del Festival.