Posts Tagged ‘costituzione’

Sull’annuncio delle ronde di Forza Nuova a Pisa

giovedì, settembre 7th, 2017

“Il movimento neofascista Forza Nuova di Pisa ha annunciato, in un comunicato aberrante nei toni e nei contenuti, di voler istituire delle ronde presso la stazione di Pisa reclutando sotto la propria guida ultras e pugili per riprendere il controllo dei propri quartieri.
Bene ha fatto il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi a condannare fermamente l’iniziativa informando Prefettura e Questura.  Il nostro è uno stato di diritto in cui il compito di garantire la sicurezza delle città e dei cittadini spetta alle forze dell’ordine e non certo a squadracce di energumeni che perpetrano nel perimetro dell’illegalità il più bieco ed abietto razzismo.
Si tratta peraltro e soltanto dell’ultima ed indecente manifestazione di una serie di inaccettabili rigurgiti di neofascismo che stanno attraversando il nostro paese. Per citare solo le più recenti mi riferisco, a livello nazionale, all’annunciata “marcia su Roma” che i neofascistici di Forza Nuova vogliono effettuare il 28 ottobre rimandando dichiaratamente a quella che portò al potere Benito Mussolini nel 1922. Mi riferisco al becero striscione affisso sotto il palazzo della Regione Toscana con cui veniva ingiuriato vergognosamente il Presidente Rossi per la proposta di costituzione di un Osservatorio contro episodi o manifestazioni sui media e sui social che  possano costituire reato di apologia del fascismo.  Agli inizi di Agosto avevo incontrato i vertici dell’Anpi provinciale e locale perchè si reagisse con fermezza a queste azioni di stampo xenofobo e razzista organizzando un tavolo di lavoro ed uno spazio di discussione aperto teso ad aggregare tutte le forze democratiche della società. Quel tavolo, che viste le recenti vicende ben potrebbe assumere rilevanza provinciale, si rende ancor più necessario per coordinare ed organizzare ogni reazione utile ed indispensabile ad arginare non solo le azioni illegali ed incostituzionali delle frange più estreme della destra quale è Forza Nuova, ma anche per arginare, sotto il profilo culturale e sociale, l’odio e l’intolleranza che svariate ed eterogenee fronde del mondo politico instillano nella pubblica opinione alla ricerca di un consenso avvelenato che specula sulle legittime preoccupazioni dei cittadini.
Il nostro territorio ha una consolidata storia antifascista e tutti gli anticorpi necessari per isolare queste provocazioni: è importante che tutti coloro che si riconoscono nei valori della nostra Costituzione trovino la forza, l’energia ed il coraggio per contrastarle ed espellerle dal patto sociale che regola la nostra libera convivenza democratica.”

Il sindaco di Pontedera Simone Millozzi

Sul discorso di insediamento del nuovo Presidente della Repubblica

mercoledì, febbraio 4th, 2015

Dichiarazione del sindaco di Pontedera e presidente dell’Unione della Valdera Simone Millozzi

Rivolgo il saluto mio personale e quello di tutti i cittadini di Pontedera e della Valdera al neoeletto Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella.

Ho ascoltato con grande attenzione il suo discorso di insediamento e ho apprezzato il tono e la misura del suo intervento e i riferimenti al suo ruolo di arbitro imparziale rispetto alle scelte politiche.

Ottimo anche il riferimento al ruolo di garante della Costituzione, non come semplice notaio della corrispondenza delle nuove norme ma soprattutto come vigile sostenitore dell’attuazione di ciò che quella stessa Costituzione aspira a realizzare. Nel lungo elenco da lui puntualizzato ci ha spiegato che garantire la Costituzione significa anche garantire l’attuazione di tutto ciò che non ha ancora visto la luce di quel progetto voluto dai nostri Padri Costituenti.

Abbiamo poi tutti bisogno, come il Presidente Mattarella ha illustrato, che il processo di riforma vada avanti e renda più adeguata alle nuove sfide, la nostra democrazia. Garantire la Costituzione – ha sottolineato il Presidente – significa ricordare la resistenza e il sacrificio di tanti che settanta anni fa liberarono l’Italia dal nazifascismo: significa libertà. E non è mancato nel suo discorso un importante riferimento al tema del lavoro particolarmente importante per una comunità come la nostra inserita in una forte tradizione industriale. Mattarella ha ricordato il lavoro che manca per tanti giovani, la perdita di occupazione, l’esclusione, le difficoltà che si incontrano nel garantire diritti e servizi sociali fondamentali.

Infine, ma non meno importante, ho molto apprezzato un tema a cui spesso faccio riferimento pubblicamente: la crisi ha aumentato le ingiustizie; ha prodotto emarginazione e solitudine. Occorre, al contrario, un Paese più equo, più giusto, che sappia restituire serenità e speranza ad ogni cittadino.

Pontedera ha avuto l’onore di aver dato i natali ad uno dei presidenti della repubblica, Giovanni Gronchi. Alcuni suoi successori ci hanno onorato di una visita nell’arco del loro settennato. Chissà se anche Mattarella farà questa scelta. Noi ce lo auguriamo e gli rivolgiamo fin d’ora l’invito.

Pontedera e la Valdera lo aspettano.

22/2015

Pontedera, 3 febbraio 2015